Cast away in Sylvania

Capitolo 20: arrivano i bretonniani!

Sempre di stanza a Wadnehof, in assenza di Van Hopkin, le cose si complicano

  • I personaggi continuano a vivere al Puledro Impennato a spese di Van Hopkin.
  • I primi bretonniani arrivano in città dell’accampamento. Ser Etienne, detto le Chamant, si presenta sfavillante alla taverna, dicendo che ha sentito essa sia la migliore di Wadenhof. In questo modo fa la conoscenza di Brontir e Isabel, mentre come da accordi con l’oste, Dieter è nascosto in cucina. (Sempre secondo l’accordo, l’oste avrà un anticipo dei soldi che Van Hopkin gli deve se fa in modo che Dieter, servo personale di Van Hopkin, riuscirà di nascosto ad avere un colloqui con Argast.) Dopo un lauto pasto, Etienne si ritira nella stanza comune, per dormire su un vero letto dopo mesi.
  • Brontir e Isabel girano per la città alla ricerca di informazioni sulla signora Herrfrauler, la stracciaiola che tutti temono e additano come strega con cui Isabel aveva avuto un incontro raggelante il giorno precedente. Prima, però, vanno a cercare Mandibola. Si dirigono quindi alla strada dei Fabbri, dove si trovano i fabbri ferrai e gli armaioli di Wadenhof.
  • Alla piazzetta con la forgia comune, intercettano un ragazzetto che sta portando un secchio di carbone tenendolo con entrambe le mani, cui Brontir chiede informazioni sulla casa di Mandibola. Il ragazzetto è restio a parlare con uno straniero (un nano!) ma poi risponde. Brontir gli allunga allora uno scellino. Prima che il ragazzetto inizi a gridare a squarciagola, Isabel gli intima il silenzio con un gesto. Il ragazzetto allora si sbriga ad ingoiare la moneta, molla il secchio a terra e scappa.
  • Trovata la casa di Mandibola, i personaggi scoprono che è deserta, le imposte e la porta chiuse. Girando nei pressi della casa, vengono apostrofati da un uomo che li osserva da una finestra. Dopo un’iniziale battibecco, l’uomo fa amicizia con i personaggi e li invita in casa, dove vive con la moglie. Si tratta di una coppia, ovvero l’unico pittore di Wadenhof (Karl-Franz) e sua moglie (Olivia).
  • Dopo qualche chiacchiera, tè mescolato a tintura gialla (detta il grattato di roccia degli elfi) e Brontir che racconta della storia dei nani, di cui il pittore e la moglie sono interessatissimi, l’atmosfera si scioglie. I personaggi osservano le opere inquietanti dipinte da Karl-Franz, e i suoi bei ritratti sul legno. Gli consigliano di fare un salto al Puledro Impennato, per proporre a Etienne di farsi ritrarre. Quando gli chiedono di Mandibola, all’inizio il pittore è restio a dare informazioni, dice solo che è tornato a casa ma adesso non è più lì perché vuole stare da solo, o non farsi trovare. Dice anche che lo cercherà insieme alla moglie, e gli dirà che i personaggi lo cercano.
  • Dopo la visita al pittore, Isabel e Brontir vanno alla caserma delle guardie cittadine di Wadenhof, dove le due guardie all’ingresso sono molto poco collaborative. Alla fine, si incazzano per le troppe domande di Isabel riguardo alla signora Herrfrauler e vanno a chiamare un drappello di altre dieci per arrestarla con l’accusa di insubordinazione. Quando escono, però, scoprono da Brontir che Isabel è al servizio di Van Hopkin, dunque cambiano radicalmente atteggiamento. Falsi e servizievoli, sostengono che terranno gli occhi aperti di trovare la signora Herrfrauler.
  • Tornati in taverna, Isabel e Brontir trovano Karl-Franz intento a dipingere un ritratto a Etienne, che lo paga. Soddisfatto, il pittore dice ai personaggi che non solo ha trovato Mandibola, ma che questi si presenterà da loro di sua sponte. La sera, infatti, Mandibola ha un colloqui privato con Brontir e Isabel. Nonostante le sue tipiche battute da squilibrato, sembra palese non si fidi di loro, specialmente dopo che gli confermano il loro impegno con Van Hopkin. Incalzato dalle domande, prima si assicura di non essere in arresto, poi si lascia scappare un ma, del resto, se quella notte Van Hopkin avesse fatto qualcosa di sbagliato, io ho visto male. Infine, se ne va (quasi scappando nella notte).

Comments

dottornomade

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.