Cast away in Sylvania

Capitolo 21: Una visita di sorpresa nella notte

Because the night is dark and full of terrors

Mentre Van Hopkin è sempre in giro con Frida e Torgrim, gli altri personaggi si danno da fare a Waldenhof.

  • Dieter resta nascosto nella taverna e attende che Rhus, l’oste, riesca a fissargli un appuntamento con Argast. Così facendo, si accorge che l’oste non è solo mandare avanti la taverna, ma ci sono anche sua suocera, chiamata da tutti Frau Schluss, che non si esime dal criticarlo in continuazione e dal ficcare il naso negli affari dei PG, e Loren, un barbone che è assunto come servo tuttofare.
  • Brontir va dalle guardi cittadine a chiedere se hanno notizie della presunta strega Herrfrauler, ma l’unica cosa che riesce a concludere è assaggiare gli ottimi chiodini sott’olio col pane che sta mangiando il capitano delle guardie.
  • Le Charmant rientra per cena accompagnato addirittura da De Var Ville in persona, Argast e altri mercenari bretonniani con alto grado. Bevono e mangiano, invitano Brontir e Isabel a brindare alla puttana Bretonnia e gozzovigliano. Non scoprono l’esistenza di Dieter, e a cena ultimata si avviano verso l’area del vecchio porto fluviale abbandonato, ove sono i bordelli e le sale di gioco d’azzardo clandestino.
  • Argast rimane in taverna, Dieter esce allo scoperto e insieme a Brontir e Isabel discute col mago. Il mago pare molto ben disposto con i personaggi, e spiega che comunque, anche se li odiasse, non racconterebbe che Dieter si nasconde lì per evitare problemi più grandi. Del tipo: i bretonniani che provano ad uccidere Dieter, e il cacciatore di streghe che si incazza.
  • Argast declina l’offerta delle ceneri di vampiro, poiché è troppo rischioso, e li invita sbarazzarsene immediatamente. Dà anche a intendere di non essere del tutto sicuro che i PG non stiano mettendolo alla prova per vedere se è corrotto, visto che comunque lavorano per Van Hopkine (Certo, se fossimo ad Altdorf, nel mio ufficio alla Scuola di Magia… ma siamo in Sylvania. E poi, voi lavorate per un cacciatore di streghe.)
  • Loren è stato mandato fuori dalla taverna, per garantire ai PG un colloquio privato con il mago. Allo stesso modo, Rhus è andato al piano di sopra.
  • Dopo che Argast si è congedato, il sole oramai è tramontato. L’oste è deluso dal fatto che l’affare non sia andato a buon fine, e così non può ottenere un altro anticipo da Dieter. Dopo un po’ di mugugni, torna al piano superiore, dimenticandosi di richiamare Loren.
  • La porta si spalanca, mentre Loren grida cercando di rientrare. E’ assalito da due umanoidi simili a barboni appestati.
  • I PG si preparano a fronteggiarli, riconoscendoli come ghoul. Altri due ghoul sfruttano la porta spalancata della taverna per entrare ringhiando, gli artigli che colano il loro veleno nero.
  • Un quinto ghoul dall’aspetto di donna si avventa su Loren, ma non per squartarlo: in un Reikspiel grottesco, intima ai ghoul compagni di lasciar perdere e fuggire. Questi la ignorano e corrono dentro la taverna. Dopo un’attimo di esitazione, anche lei li segue.
  • C’è una battaglia, in cui interviene anche l’oste armato di arco. Sedie e tavoli gettati da tutte le parti, Dieter e Isabel barricati in cucina, Brontir ferito e terra. Isabel, dopo aver abbattuto da sola due ghoul, riesce a scappare lasciando i suoi compagni gravemente feriti e l’oste rinchiuso nella camera degli ospiti.
  • I ghoul la inseguono per Waldehof, nella notte, mentre inutilmente ella cerca aiuto. Si dirige verso la caserma delle guardie quando la ghoul femmina le si avventa addosso. Isabel la uccide.
  • La sessione termina con Isabel che batte i pugni disperata sul portone, mentre gli altri due ghoul si aggirano ghignando e sbavando nei vicoli lì vicino, cercandola.

Bilancio: 2 punti fato andati.

Comments

dottornomade

I'm sorry, but we no longer support this web browser. Please upgrade your browser or install Chrome or Firefox to enjoy the full functionality of this site.